MEDICAL FORUM > Possibili cause e fattori che influenzano l'acufene

Disordini temporomandiboilari, malocclusione ecc.

<< < (2/16) > >>

ikkuna:
A me è stata diagnosticata una infiammazione importante dell'articolazione Temporo mandibolare [ATM] e una malocclusione. Il fatto che digrigno i denti di notte peggiora il tutto. Adesso porto un apparecchio per curare la malocclusione e il byte. Ho parlato con il Dr. Galiffa, di Roma, che è considerato uno "specialista" negli studi dell'ATM e mi ha spiegato che il mio acufene è dovuto appunto all'infiammazione dell'ATM ed è curabile. Importante cosa che molti trascurano è dormire nella corretta posizione, ovvero supini.  Le ore del sonno sono fondamentali e non bisogna mai far gravare il peso del corpo sulla mandibola! Anni di decubito errato possono causare  mille problemi al nostro fisico, anche ronzii e acufeni. Io sto provando a dormire nella corretta posizione [mai di lato o bocconi e mai con 2 cuscini], visto che non mi costa nulla ora che lo so, e in 2 settimane l'acufene è diminuito. Mi ha detto che sono cose 1po lunghe [ha parlato di 3, 4 mesi] ma risolutive x chi ha questa patologia.
Proviamo no? in bocca al lupo!!

ikkuna:
www.galiffa.it :) auguri

antonietta:
Ecco quello che il dr Galiffa riporta nel suo sito a proposito di questa sindrome:

"Ronzio, fischi, sibili (acufeni), ovattamento auricolare, sensazione di diminuzione dell’udito, (ipoacusia), vertigini, sensazione di instabilità dell’equilibrio, emicrania severa e costante con episodi di esacerbazione, dolori articolari con scrosci e click nei movimenti della mandibola, dolori nella regione auricolare e attorno al bulbo oculare, dolori cervicali, sensazioni di bruciori alla lingua, alla gola e ai lati del naso.

Costen, otorino americano, con molto intuito , nel suo articolo originale del 1934, aveva messo in relazione queste patologie  (con una funzione disturbata dell’articolazione temporomandibolare).

Aveva notato che questi sofferenti non avevano alcuna patologia a carico dell’orecchio, ma avevano una alterazione della occlusione per la perdita dei denti posteriori (molari e premolari) che causava, nella chiusura della bocca, eccessivo accavallamento dei denti superiori sugli inferiori con scivolamento della mandibola posteriormente.  I condili  (estremi articolari della mandibola) determinavano compressione delle formazioni anatomiche della  regione auricolare e retro auricolare. questa era, a suo parere, la causa di tante sofferenze."

Avevo già da tempo focalizzato l'attenzione su un pessimo tic che ho e cioè di battere i denti (tipo masticazione) e serrare la mandibola. Leggendo quanto riportato mi sono resa conto che con questi movimenti faccio scivolare la mandibola posteriormente. Avrò la sintome di Costen?

Mi piacerebbe sapere se alcuni di voi trovano un riscontro in ciò che ho riportato.


ikkuna:
Io :) sono attualmente in cura da un otorino a Forlì che concorda pienamente con Galiffa... io sto migliorando ^.^ In fondo, dormire "bene" non costa veramente niente!!!

ennio:
ciao sono ennio, il mio acufene prima pulsante ora anche fruscio alterno è iniziato nell'ottobre 2004 con fitte di piccola durata all'orecchio interno poi ebbi la sindrome della bocca bruciante.
Da un anno soffrivo di parafunzioni alla mandibola, la facevo sempre cliccare portandola da destra a sinistra e viceversa fino a sentire male.
Questo iniziai a farlo perchè ero andato dal dentista e dopo una lunga seduta non trovavo piu' i contatti giusti e di seguito mi sono tolto l'ultimo dente arcata inferiore e da allora questo mio tick è aumentato.
Ho fatto RMN dell'atm , la radiografia, si evince solo una piccola infiammazione al condilo, sono stato da un gnatologo a Bologna ma non mi ha riscontrato nulla di anormale.
Dormo sempre su un fianco.
Ho una ipoacusia _45 a 6000/8000 ma è uguale a 5 anni fa' quando non avevo l'acufene.
ora rileggendo queste cose sullATM  vi rivengono i dubbi ma non so dove andare. Porto sempre il Byte di notte.
saluti ennio   

Navigazione

[0] Indice dei messaggi

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Go to full version