Autore Discussione: Dio, quando finirà...  (Letto 1471 volte)

Scollegato marcog

  • Full Member
  • ***
  • Messaggi: 141
    • Mostra profilo
Dio, quando finirà...
« inserita:: Novembre 25, 2013, 00:03:30 »
Ho vissuto un'infanzia orribile, madre schizofrenica, padre depresso e costantemente ubriaco nei fine settimana, nonni dalla mentalità medievale sempre desiderosi di scontro, ho dovuto assistere a numerosi pianti, litigi e scene di violenza. Verso gli otto anni mi accorgo di avere una malformazione al pene, una fimosi, per paura del dolore dell'operazione e per la vergogna non dico niente a nessuno. Comincio a sviluppare obesità e miopia verso i tredici anni, a quattordici mia madre tenta il suicidio, si lancia dalla terrazza e fa un volo di sei metri, io la vedo svenuta a terra. A diciotto anni comincio ad avvertire la prima mosca volante, a diciannove mi diagnosticano tre fori retinici, devono farmi il laser e mi dicono che non ci sarebbero state conseguenze, dopo l'operazione il giorno dopo mi accorgo che mi manca una porzione del campo visivo. Cado in depressione e comincio ad odiare la luce solare. Riesco a terminare gli studi e a prendere un diploma in condizioni pietose. A ventidue anni comincio ad avvertire un fischio all'orecchio destro, mi visita l'otorino e mi trovano un piccolo deficit uditivo bilaterale, secondo loro, visto il tipo di curva audiometrica si tratta di danno causato da un trauma acustico. Io non avverto problemi di udito ma solo un fischio acuto nell'orecchio destro, un mese più in la comincio ad avvertire qualcosa anche al sinistro, provo ad ignorarlo non pensando neanche alla possibilità di poter anche avere problemi seri di udito. Negli anni ripeto gli esami perché il fastidio sembra rendersi più evidente, sento vari specialisti, e qualcuno comincia a dire che potrebbe non trattarsi di problema dovuto a trauma ma altro. In quegli anni mi prende anche un herpes zoster, non ricordo se prima degli acufeni oppure dopo.
Ho compiuto ventinove anni da un mese circa, attualmente mi trovo in una struttura socio sanitaria o gruppo famiglia insieme a persone con problematiche mentali anche molto serie ( accanto al mio appartamento vive una malata schzofrenica che parla col muro e sento in continuazione)perché non ho lavoro e ho dovuto fare questa richiesta disperata allo psichiatra di mia madre per problemi economici, da vari mesi mi sento le orecchie semi sfondate e invase da fischi di ogni tipo, stò cominciando a trovare estremo fastidio nell'ascoltare musica o guardare un film, uniche cose che mi davano un minimo di pace. Ho spesso degli ovattamenti improvvisi e comincio a prendere coscienza del fatto che stò perdendo l'udito senza un motivo, senza una diagnosi. Con l'orecchio destro fatico a sentire alcuni suoni come il fruscio dell'acqua o il rumore delle cicale, col sinistro avverto un continuo acufene e sensazione di rincoglionimento post discoteca (mai frequentate).
Mia madre fa una vita da martire e non riceve più nemmeno la pensione di invalidità, mio padre distrutto soffre di attacchi di panico e fortissima agorafobia va avanti come può (gli è morto il padre quando aveva dodici anni), i miei due fratelli sono entrambi obesi e senza un lavoro, il più grande ha trentatré anni soffre gravemente di attacchi di panico e lo scorso anno ha rischiato la follia.
Faccio sempre incubi, ieri sera addirittura due consecutivi, nel primo ho sognato mio fratello che si gettava dal terrazzo e io ero deciso a seguirlo perchè avrei sicuramente preferito il buio ad una vita senza di lui.
Due giorni fa su un quaderno ho scritto questa frase: 'Mi sento una fottuta marionetta nelle mani del diavolo, senza futuro ne speranza, privato della capacità di amare ed essere amato'.
Da piccolo speravo in un futuro sereno, una vita normale, ho pregato Dio fino alle lacrime , innumerevoli volte, ma non è servito assolutamente a nulla, sembra che il male si accanisca sempre contro le persone più sensibili e bisognose di aiuto.
Non credo che riuscirò a riconquistare la serenità che avevo in passato, non mi sento più libero di fare quello che mi rendeva felice, non riesco a non pensarci e a dimenticare quanto ho desiderato di evadere da quel dolore.
Vorrei non essere mai esistito, e invece sono qua in uno dei gironi infernali costretto a sopportare questa condanna in silenzio per non far soffrire chi amo.

Scollegato LucaMI

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Messaggi: 1238
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #1 inserita:: Novembre 25, 2013, 12:52:13 »
E' bello il tuo messaggio, e solo una persona forte può scrivere quello che hai scritto tu.
The truth is out there

Nievro

  • Utente non iscritto
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #2 inserita:: Novembre 25, 2013, 14:16:49 »
Sei una roccia!

Non mollare!

Ti voglio bene

Scollegato magika1977

  • Jr. Member
  • **
  • Messaggi: 76
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #3 inserita:: Novembre 25, 2013, 16:59:26 »
Il tuo dolore è lacerante...ho le lacrime agli occhi davvero...mi dispiace tantissimo...ti mando un abbraccio virtuale ma credimi colmo di affetto!!!!NON MOLLARE MAI!!!!!!!!!la tua estrema sensibilità è anche la tua forza!!!ti abbraccio Roxy :)

Scollegato Giuseppe62

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Messaggi: 2261
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #4 inserita:: Novembre 25, 2013, 18:53:19 »
Vorrei non essere mai esistito, e invece sono qua in uno dei gironi infernali costretto a sopportare questa condanna in silenzio per non far soffrire chi amo.

La vita va e deve essere vissuta nel bene o nel male, è un pò come il matrimonio, ma MAI pensare che forse era meglio non viverla.
La vita è un dono, non ci appartiene e non deve essere sottovalutata. Tu hai i gioilelli di famiglia che molte altre persone, che vivono forse una vita migliore, non hanno. E' vero in questi casi si guarda solo il lato negativo, ma tu hai una cosa in più. L'amore verso gli altri, e di conseguenza un grande cuore, e non è poco. Da fratello maggior mi permetto di darti un consiglio. Incomincia, anzi, ricomincia ad amare di più la tua vita (ne hai una sola) bella o brutta non ha importanza ed inizia per l'ennesima volta a venirne fuori. Non pensare di essere l'unico qui in questa gabbia di acufenizzati pazzi, ad avere una vita difficile, pertanto noi ti saremo sempre vicini e pronti ad ascoltarti, e nel nostro piccolo consigliarti. Non vergognarti di nulla, la salute prima di tutto e non pensare agli acufeni perchè son stupidi e non meritano la tua, la nostra attenzione.
Ti abbraccio forte e mi raccomdo......
Giuseppe
la musica ci aiuta a non sentire il silenzio che c'è dentro e fuori di noi.

Scollegato marcog

  • Full Member
  • ***
  • Messaggi: 141
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #5 inserita:: Novembre 25, 2013, 22:44:54 »
Giuseppe non riesco più a considerare questa vita un dono, mi ritrovo a ventinove anni solo su un letto alle otto di sera con vista e udito semi devastati senza motivo sperando di riuscire ad addormentarmi nel minor tempo possibile quando neanche una decina di anni fa avevo solamente una miopia di medio grado e due orecchie completamente normali.
Mi sento costretto a dover vivere una sorta di vecchiaia in un'età in cui teoricamente dovrei invece poter godere del mio massimo potenziale fisico.
Come faccio ad accettare questo schifo, che dovrò andare avanti fino alla morte in questa condizione o peggio? Ho dovuto praticamente rinunciare alla mia giovinezza e ora questa tortura invivibile, costretto a diventare un invalido senza poter far nulla.
Non credo che nessun uomo sano di mente possa sopportare tutto questo senza desiderare di scomparire definitivamente.
Negli anni sono anche diventato una persona molto introversa per via di tutti i problemi di cui ho sofferto e desideravo fortemente cambiare quello stato di cose ma questa malattia orribile e inspiegabile mi ha tolto ogni tipo di speranza, non poteva capitarmi cosa peggiore.
Mi hanno sempre fatto sentire uno sfigato e un mostro quando invece ero perfetto e avevo solamente bisogno di un po' di normalità e un minimo di sostegno psicologico.
Ormai grazie a loro, per colpa di coloro che sicuramente adesso staranno ridendo, si staranno godendo un bel film al cinema, ascoltando la loro musica preferita o trombando come dei ricci, lo sono diventato, un mostro.

Scollegato Giuseppe62

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Messaggi: 2261
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #6 inserita:: Novembre 26, 2013, 10:21:17 »
Anche io ho dei problemi di vista, si tratta della retine e tu sai cosa significa. Senza protesi acustiche non sento assolutamente nulla e per questa sordità mi hanno riformato quindi non lavoro più, ecc.ecc.
Ieri sera saltando tra un canale ad un'altro ho ascoltato questa canzone meravigliosa di Roberto Vecchioni. Ti incollo il testo, leggilo.

Ho conosciuto il dolore
(di persona, s’intende)
e lui mi ha conosciuto:
siamo amici da sempre,
io non l’ho mai perduto;
lui tanto meno,
che anzi si sente come finito
se, per un giorno solo,
non mi vede o mi sente.
Ho conosciuto il dolore
e mi è sembrato ridicolo,
quando gli dò di gomito,
quando gli dico in faccia:
”Ma a chi vuoi far paura?”
Ho conosciuto il dolore:
era il figlio malato,
la ragazza perduta all’orizzonte,
il sogno svanito,
la miseria dopo l’avventura;
era il brigante all’angolo
che mi chiedeva la vita;
era il presuntuoso tumore che mi porto dentro
da una cellula impazzita;
era Dio, che non c’era
e giurava, ah se giurava, di esserci;
la sconfitta patita,
l’indifferenza del mondo alla fame,
alla povertà, alla fatica;
l’ho conosciuto
e l’ho preso a colpi di canzoni e parole
da farlo tremare,
da farlo impallidire,
da farlo tornare all’angolo,
pieno di botte,
che nemmeno il suo secondo
sapeva più come farlo di nuovo salire sul ring,
continuare a boxare.
E, un giorno, l’ho fermato in un bar,
che neanche lo conosceva la gente;
l’ho fermato per dirgli:
“Con me non puoi niente!”
Ho conosciuto il dolore
ed ho avuto pietà di lui,
della sua solitudine,
di questo cavolo di suo mestiere;
l’ho guardato negli occhi,
che sono voragini e strappi
di sogni infranti:
“Ti vuoi fermare un momento?”, gli ho chiesto,
”Ti vuoi sedere?
Vieni con me,
andiamo insieme a bere.
Hai fatto di tutto
per disarmarmi la vita
e non sai, non puoi sapere
che mi passi come un’ombra sottile sfiorente,
appena-appena toccante,
e non hai vie d’uscita
perché, nel cuore appreso,
in questo attendere
anche in un solo attimo,
l’emozione di amici che partono,
figli che nascono,
sogni che corrono nel mio presente,
io sono vivo
e tu, mio dolore,
non conti un cazzo di niente

Appunto. Arredersi MAI
Giuseppe




la musica ci aiuta a non sentire il silenzio che c'è dentro e fuori di noi.

Scollegato magika1977

  • Jr. Member
  • **
  • Messaggi: 76
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #7 inserita:: Novembre 27, 2013, 15:22:30 »
Grazie Giuseppe..perchè oggi per me è proprio una giornata di m..., e leggere questa canzone che hai postato mi ha fatto bene..come dici tu la vita è una sola e piangere e disperarsi alla fine non risolve nulla...purtroppo non serve a cambiare le cose ..in meglio!grazie ancora Rox

Scollegato Giuseppe62

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Messaggi: 2261
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #8 inserita:: Novembre 27, 2013, 20:25:36 »
purtroppo non serve a cambiare le cose ..in meglio!grazie ancora Rox

Lo so che non serve ma dobbiamo essere anche noi a darci una mossa. Lo so ci vuole volontà e desiderio che in questi momenti con questi stati d'animo mancano, ma è qui che dobbiamo lottare con tutte le nostre forse  e se non ne abbiamo allora dobbiamo cercare e ricercare dentro di noi per capire il nostro senso della vita.
Mi raccomando, piano piano ma provaci, devi provarci. Guarda che ti taglio i gioielli di famiglia  ;D.
Ti abbraccio e ricordati che almeno virtualmente non sei solo.
Giusepppe
la musica ci aiuta a non sentire il silenzio che c'è dentro e fuori di noi.

Scollegato marcog

  • Full Member
  • ***
  • Messaggi: 141
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #9 inserita:: Novembre 29, 2013, 10:46:00 »
....................

Scollegato marcog

  • Full Member
  • ***
  • Messaggi: 141
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #10 inserita:: Novembre 30, 2013, 14:19:10 »
Scusatemi per queste frasi folli, sembra proprio che nell'ultimo periodo io non possa fare a meno di esternare questi pensieri.
Il fatto è che sono stanco e incazzato, mi sento un maledetto. Ventinove anni con questi problemi fisici, senza lavoro, senza amore, privato della speranza.
Mi chiedo a cosa serva spendere un patrimonio per farsi visitare dai professoroni se poi questi non sono capaci neanche di fare una diagnosi e arrestare il problema.


Scollegato antony55

  • Newbie
  • *
  • Messaggi: 1
    • Mostra profilo
Re:Dio, quando finirà...
« Reply #11 inserita:: Novembre 30, 2013, 16:13:55 »
una brutta esperienza davvero auguri